Comprare casa a Milano, le regole per un acquisto perfetto

Ecco un articolo che spiega per filo e per segno come comprare casa a Milano rispettando tutti i crismi del caso. E soprattutto, senza commettere errori banali ma che dopo qualche tempo possono risultare fatali. Sia per gli acquirenti che per i venditori.

Per comprare casa a Milano, è infatti opportuno affidarsi a un’agenzia immobiliare seria. Un partner su cui poter fare affidamento e che risolve eventuali mancanze, errori o impedimenti che emergono nelle fasi di trattativa.

Comprare casa a Milano: prima di tutto scegliere il quartiere o la zona

Milano è il polmone economico del Paese. La diretta conseguenza di questa situazione si riflette sui prezzi delle case, tra i più alti d’Italia.

Secondo un recente studio condotto da Camera di Commercio, Confindustria e Confesercenti, il prezzo medio per metro quadro si attesta oltre i 5 mila euro. Gli andamenti dei prezzi nel mercato immobiliare di Milano non sono omogenei.

Pertanto il primo consiglio per tutti coloro che vogliono comprare casa a Milano è quello di individuare il quartiere (o i quartieri) di interesse.

Solo successivamente valutare caso per caso quale può rispondere meglio alle nostre esigenze, anche di portafogli.

Comprare casa a Milano sta diventando anche un ottimo investimento.

Lo sanno molto bene i cittadini stranieri che acquistano appartamenti esclusivi o loft nelle zone più rinomate per trascorrere le vacanze e mettere a rendita la proprietà a Milano.

Investire sul mattone milanese potrebbe solleticare anche l’interesse di semplici investitori, risparmiatori o chi vuole cambiare casa. L’obiettivo è in questo caso quello di comprare casa a Milano in vista di una rivalutazione dell’immobile nel tempo.

Pertanto, dopo aver controllato il prezzo medio al metro quadro delle principali aree della città, e confrontato i valori con il budget a disposizione, il consiglio è quello di valutare attentamente le soluzioni disponibili in un dato quartiere.

Sempre facendosi aiutare da un’agenzia immobiliare esperta, attenta alle esigenze e ai bisogni del cliente.

Comprare casa a Milano: il secondo step è definire il budget

Prima di tutto è necessario effettuare una valutazione economico-finanziaria. Chi decide di comprare casa a Milano deve sapere quanto è disposta a spendere.

Analizzare in maniera concreta le proprie disponibilità economiche significa definire il budget massimo di spesa. Questo è un primo criterio per scremare le tante proposte immobiliari a Milano a disposizione nel mercato.

Come definire il budget quando si decide di comprare casa a Milano?

Intanto è bene capire se si vuole optare per una nuova costruzione, una casa ristrutturata di recente o un immobile ancora da ristrutturare. Da questa scelta dipende infatti la decisione definitiva sull’importo totale da investire.

Comprare casa a Milano: immobile indipendente o appartamento?

Un dubbio da chiarire al più presto prima di affrontare gli step pratici per acquistare casa a Milano. Occorre infatti capire se si vuole comprare una casa indipendente oppure un appartamento in un condominio.

Una scelta piuttosto personale: ognuno deve valutare le proprie esigenze personali e familiari. In entrambi i casi ci sono pro e contro quando si tratta di comprare casa a Milano.

Ad esempio:

  • costi di amministrazione del condominio e delle aree comuni
  • possibilità di spazi esterni
  • possibilità di posto auto privato
  • manutenzione e condivisione degli impianti di riscaldamento e fornitura acqua, luce e gas

È chiaro che se si sceglie di comprare casa a Milano in centro città o nelle zone limitrofe, sarà molto più facile trovare un appartamento rispetto a una casa indipendente.

D’altra parte, quando si visita un appartamento a Milano per acquistarlo è importante valutare bene tanto le condizioni interne della casa, quanto quelle della facciata esterna e degli spazi comuni.

Potrebbero infatti essere necessari lavori di ristrutturazione che impatterebbero anche sulla vivibilità interna dell’appartamento.

Senza dimenticare che a Milano non è semplice trovare un condominio con garage o posto auto incluso. Per cui è bene riservarsi la possibilità di investire una parte del budget da dedicare al box auto in prossimità dell’appartamento o all’interno dello stabile da acquistare.

Comprare casa a Milano: come farlo in totale sicurezza

Per procedere con l’acquisto di una casa a Milano in serenità è meglio partire da due cose fondamentali: l’ispezione catastale e la visura ipotecaria. Sono due operazioni richiedibili presso l’Agenzia delle Entrate solo da professionisti che operano in ambito immobiliare (come l’agenzia immobiliare).

Sono elementi che permettono di comprendere lo stato dell’immobile e scoprire se su quest’ultimo pendono ipoteche, disposizioni di natura giudiziaria e sono in regola dal punto di vista planimetrico / strutturale.

In questa fase preliminare è anche possibile scoprire se il proprietario attuale sia entrato in possesso dell’immobile attraverso una donazione. Se così fosse, meglio mettersi al riparo da possibili rischi rivolgendosi a un professionista intermediario immobiliare per sciogliere tutte le questioni legate ai diritti ereditari.

Infatti in caso di donazione un altro erede potrebbe impugnare l’atto di donazione anche dopo diversi anni e bloccare la fase di trattativa e compravendita dell’immobile.

Altra figura tecnica con cui si relaziona un’agenzia immobiliare competente a Milano è quella del geometra (o dell’architetto o dell’ingegnere). Questo valuta se ci siano o meno incongruità tra le documentazioni e l’immobile reale.

Meglio scoprire subito se ci siano stati abusi edilizi eventualmente sanati con il condono e se tutta la documentazione relativa all’autorizzazione per la costruzione per eventuali sottrazioni è in regola.

Comprare casa a Milano: la fase di compravendita

Questa è la fase di trattativa vera e propria. Quella in cui si presenta la proposta d’acquisto al venditore. In genere con l’offerta si può trattare un minimo sul prezzo di vendita, ma non conviene scendere troppo al ribasso. Qui sarà l’agenzia immobiliare a consigliare le parti su come condurre la trattativa dato che conosce le esigenze di entrambi.

La proposta ha validità ufficiale e una scadenza – di solito fissata a 7 o 15 giorni – entro cui il proprietario deve accettare o meno l’offerta. Con la proposta d’acquisto l’acquirente mette a disposizione del venditore anche una cifra a titolo di caparra.

Qualora l’acquirente dovesse cambiare idea riguardo all’acquisto della casa dopo l’accettazione della proposta, la caparra andrebbe persa. Viceversa, se il proprietario della casa dovesse cambiare idea dopo aver firmato, dovrà versare il doppio della caparra all’acquirente.

Per ufficializzare la compravendita immobiliare, è poi indispensabile sottoscrivere il compromesso, o contratto preliminare, in cui le parti di fatto si impegnano a stipulare un successivo contratto di compravendita per finalizzare l’operazione.

In questo modo, chi acquista la casa può essere sicuro che il venditore non cambi idea e può sfruttare questa garanzia per trovare il mutuo appropriato per assicurarsi l’immobile.

Ovviamente la caparra viene detratta dal prezzo complessivo di vendita della casa. Questo dovrà essere versato al venditore in sede di atto immobiliare d’acquisto della casa davanti al Notaio che certifica il passaggio di proprietà.

Comprare casa a Milano: il preliminare d’acquisto

Come anticipato, Se la proposta d’acquisto è stata accettata dal venditore, è buona norma firmare un contratto preliminare di compravendita. Si tratta di un contratto in cui la parte denominata “promittente venditrice” – ovvero il proprietario dell’immobile – si impegna a vendere e la parte detta “promittente acquirente” si impegna a comprare secondo i termini pattuiti nel contratto.

Anche questo passaggio deve essere curato con attenzione.

Può accadere infatti che il contratto non sia scritto in maniera corretta e si trasformi in un “contratto preliminare improprio”, da sanare solo davanti a un notaio. Altro motivo per scegliere un’agenzia competente e professionale come Reminvest quando decidi di comprare casa a Milano.

Comprare casa a Milano: il rogito notarile

Il rogito notarile è il momento chiave della compravendita di un immobile a Milano, così come per qualsiasi altra compravendita immobiliare in Italia.

Con questo documento si certifica ufficialmente il passaggio di proprietà di un edificio, una casa o un terreno nel pieno rispetto della legge.

Da un lato il rogito è un indubbio vantaggio in termini di tutela dei propri diritti. Dall’altro, prevede un costo che varia in funzione dell’immobile e soprattutto della situazione patrimoniale dell’acquirente perché la legge prevede degli sgravi fiscali.

Comprare casa a Milano: lasciati consigliare da un’agenzia affidabile

Se vuoi trovare l’appartamento dei tuoi sogni o la casa perfetta per il tuo investimento immobiliare, rivolgiti a Reminvest.

Hai bisogno di informazioni specifiche o tecniche per comprare casa a Milano?

Sinonimo di professionalità e garanzia di successo in ambito immobiliare a Milano, Reminvest è l’agenzia immobiliare solida, garanzia di fiducia.

Confronta Strutture

Confronta